Frutta di stagione: perché è importante scegliere bene

frutta di stagione

La prevenzione dei malanni di stagione, come tosse, raffreddore e mal di gola, inizia a tavola con una sana e corretta alimentazione. Insegnare ai nostri piccoli a mangiare verdura e frutta di stagione, è garanzia dell’assunzione di tutti i nutrienti necessari, poichè i prodotti di madre natura sono naturalmente ricchi di vitamine, fibre e sali minerali.

Prima di scegliere integratori alimentari e vitaminici, la cui efficacia viene messa sempre più frequentemente in discussione da studi e ricerche scientifiche, insegnate ai vostri figli ad alimentarsi bene.

Sana alimentazione non vuol dire solo evitare cibi spazzatura, ma anche rispettare la stagionalità dei prodotti. Di seguito trovate un elenco di 5 buoni motivi per cui vale la pena mangiare solo frutta di stagione.

5 motivi per cui è necessario scegliere frutta di stagione

  1. I prodotti che si trovano sul mercato fuori stagione, sono coltivati in serra per questo pieni di acqua, poco saporiti e poco nutrienti.
  2. Produrre frutta fuori stagione implica un forte impatto ambientale con danni considerevoli sul lungo periodo e con lo spreco di numerose risorse (acqua, medicinali, serre etc.).
  3. Frutta e verdure di stagione sono più economici e genuini.
  4. La natura mette a disposizione una vasta gamma di frutta di stagione per cui non è necessario scegliere prodotti fuori stagione, per variare la propria alimentazione.
  5. Per ogni stagione la natura mette a disposizione tutti i nutrienti di cui l’organismo ha bisogno, basta rispettare la stagionalità di frutta e verdura per assumere ciò di cui necessitiamo.
  6. I prodotti di madre natura tendono a perdere vitamine e sali minerali una volta raccolti. Scegliete frutta e verdura fresca.

Frutta di stagione mese per mese

Ecco un’utile tabella in cui per ogni mese trovate i prodotti che la natura offre.

  • Dicembre: Uva, Mele, Pere, Mandarini, Pistacchi, Pignoli, Noci, Nocciole, Mandorle, Olive, Arance, Kaki, Frutta secca, Castagne, Datteri.
  • Gennario: Mele, Pere, Uva bianca, Arance, Mandarini, Kaki.
  • Febbraio: Mele, Pere, Arance, Noci, Nocciole, Mandorle, Frutta secca.
  • Marzo: Mele, Pere, Arance, Olive.
  • Aprile: Mele, Pere, Fragole, Olive, Arance.
  • Maggio: Fragole, Nespole, Ciliegie (primizie).
  • Giugno: Ciliege, Fragole, Lamponi, Ribes, Nespole, Pere novelle, Prugne, Susine, Mirabelle.
  • Luglio: Albicocche, Susine, Fichi, Pesche, Pere, Nespole, Prugne.
  • Agosto: Susine, Pesche, Melone o Popone, Cocomero zuccherino, Anguria, Fichi, Mirtilli, Uva (primizia).
  • Settembre: Susine, Pesche, Melone, Melagrano, Giuggiole, Fichi d’India, Uva, Nocciole novelle, Mandorle novelle, Noci novelle.
  • Ottobre: Uva, Pere, Mele, Fichi, Nespole, Fichi d’India, More.
  • Novembre: Uva, Pere, Mele, Nespole, Sorbe, Castagne.

Ricordate che mangiare tanta frutta di stagione deve essere una buona abitudine di tutta la famiglia. Se i bambini vedono mangiare bene mamma e papà, automaticamente saranno portati ad alimentarsi correttamente.

 

Written By
More from Enza Ansalone

Autosvezzamento: che cos’è e come avviene

Possiamo definire l’autosvezzamento come l’alimentazione complementare al latte, che il...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *